“Non è il teatro che è necessario, ma assolutamente qualcos’altro. Superare le frontiere tra me e te: arrivare ad incontrarti per non perderti più tra la folla, né tra le parole, né tra le dichiarazioni, né tra idee graziosamente precisate, rinunciare alla paura ed alla vergogna alle quali mi costringono i tuoi occhi appena gli sono accessibile “tutto intiero”. Non nascondermi più, essere quello che sono. Almeno qualche minuto, dieci minuti, venti minuti, un’ora. Trovare un luogo dove tale essere in comune sia possibile…”     (Jerzy Grotowski)  | La Casa di Asterione

 

La Casa di Asterione

L’Associazione di Promozione Sociale La Casa di Asterione, affiliata nazionale Acli Arte e Spettacolo, s’impegna a caratterizzare la vita associativa come esperienza comunitaria. Organizza attività di formazione, di spettacolo, di azione sociale aventi finalità di sostegno al bisogno e di risposta al disagio sociale attraverso la mediazione artistica.

Promuove l’impegno associativo, culturale ed artistico attraverso iniziative nel settore dello spettacolo e, in maniera specifica, nella propedeutica all’arte terapia. Sostiene la mediazione artistica e l’utilizzo del counseling artistico nel campo del disagio sociale attraverso metodologie di life coaching.

Promuove e organizza percorsi di formazione di teatro sociale, civile e teatro di comunità, progetta percorsi di counseling artistico e life coaching. Favorisce percorsi di integrazione sociale attraverso l’uso dell’Arte nelle sue molteplici discipline. Realizza performance e laboratori artistici con particolare attenzione alle tematiche della marginalità sociale e dell’emarginazione culturale in settori quali: l’intercultura, la disabilità e il disagio sociale delle “generazioni Neet”. É presente soprattutto in realtà come periferie urbane, centri di riabilitazione, scuole, istituti sanitari di recupero, istituti di detenzione e comunità educative per minori.

Promuove con le proprie attività l’aggregazione e l’associazionismo specifico dei fruitori di cultura, di arti e di spettacolo favorendone la crescita. Incoraggia lo sviluppo della sensibilità sociale solidale nonché l’aumento della capacità di critica costruttiva e consapevole con l’obiettivo di incentivarne il protagonismo e lo spirito d’iniziativa.

#MetePicene

Ascoli, Il progetto ‘Mete Picene’ del Bim Tronto pronto al debutto alla Bit di Milano con Massimiliano Ossini come testimonial

La presentazione del nuovo brand turistico del Piceno, del progetto nella sua interezza, del video reportage realizzato e degli strumenti di marketing territoriale sono solo alcune delle azioni mirate alla promozione turistica messa in atto da Mete Picene. L’acronimo racchiude in sé le eccellenze dei nostri luoghi: i musei, le esperienze, i territori e le eccellenze. Sul turismo culturale, infatti, è costruito il progetto realizzato dal Bacino Imbrifero Montano del Tronto insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, in partenariato con Opera Cooperativa Sociale e La Casa di Asterione

 

#REMIinverno2019

Siamo pronti a ripartire con le attività di #MeTeInverno 2019. Tantissimi corsi e novità da non perdere. Il gruppo dei nostri ragazzi con disabilità è già al completo ma….se hai un’età compresa tra i 10 e i 30 anni e ti va di unirti a noi per intraprendere assieme  un percorso di integrazione e arte allora…STIAMO CERCANDO PROPRIO TE!

Aperte le iscrizioni ai corsi di CANTO, MUSICA, CIRCO, TEATRO, CORTOMETRAGGIO e KIDS del progetto #MeTeInverno di #Remi (presso #TeatroPalafolli).

Per info: 📧 lacasadiasterioneap@libero.it 📞 0736 352211
#Iscrizioni aperte fino al #10Novembre – Inizio corsi metà Novembre

MeTe-Abili Equilibri d’Arte REMI – Rete Educativa METE per l’Inclusione La Casa di Asterione Fondazione Carisap

Per voi un piccolo “asSAGGIOdiREMI” con questo bellissimo video realizzato dagli studenti dell’Istituto Licini  di Ascoli Piceno.

 

#MeTeCompagniaTEATRO

Guarda ora il video di “Tu Sei Infinito” della compagnia Teatro MeTe (regia Elisa Maestri – liberamente tratto da Novecento di A. Baricco). Il racconto di due storie: la prima parla di un uomo “Novecento”, di una nave e di un viaggio lungo una vita; la seconda parla di un meraviglioso gruppo di giovani costruttori di uno spettacolo.